controllo camere iperbariche

Le camere iperbariche sono dispositivi di uso sempre più diffuso sia in terapia medica sia in ambito sportivo; un mercato a se stante è costituito dalle camere di decompressione per sommozzatori che devono operare per lunghi periodi di tempo (settimane) a profondità elevate (300 metri) per manutenzione di impianti sottomarini.

Nonostante l’uso diffuso e la gestione da parte di utenti spesso non specializzati la camera iperbarica resta uno strumento pericoloso: l’alta concentrazione di ossigeno favorisce processi di combustione con esiti talora catastrofici; la cronaca riporta numerosi casi di incidenti anche mortali.

Nelle camere attuali spesso il controllo sulla concentrazione dei vari gas, in particolare ossigeno, viene effettuato periodicamente (ogni 5-10 minuti) attraverso un sistema chimico.
Il sistema da noi proposto consiste nel posizionamento di un sensore laser che permetta di acquisire la misura della concentrazione di ossigeno:

  • in continua (ogni decimo di secondo)
  • con una precisione elevata (0.1 %)
  • senza reagenti chimici

Il sistema, date le sue prestazioni, può essere usato in generale per la gestione del dispositivo sia per ottenere un monitoraggio e un controllo fine a scopi medici, sia come sistema di sicurezza, che automaticamente innesta sistemi di emergenza in caso di variazioni improvvise della concentrazione di ossigeno (guasti di impianto , incendi etc.)