rivelazione polveri sottili PM10

SLP è un progetto per la realizzazione di una classe di sensori laser per la misura delle polveri sottili (PM10, PM2.5 PM1). L'obiettivo primario è realizzare dispositivi robusti, di basso costo, che, attraverso l'accoppiamento di filtri meccanici (impattori) e tecniche di laser scattering (Optical Particle Counter), forniscano una misura in tempo reale della concentrazione di polvere nell'ambiente. Il maggiore problema dei metodi attualmente utilizzati come riferimento, i cosidetti metodi gravimentrici, è, infatti, l'estrema lentezza e il ritardo nella misura delle concentrazioni di polveri campionate.

SLP

SIT ha collaborato con centri di ricerca pubblici e realtà industriali private presenti da anni nel settore del campionamento dell'aria per affrontare queste problematiche e giungere alla realizzazione dei dispositivi che vengano incontro alle esigenze di un mercato sempre crescente.

I sensori in fase di studio e sperimentazione attualmente, si basano sull'utilizzo di una sorgente laser che attraversa un flusso di aria campionata dall'ambiente esterno. L'aria arriva attraverso il passaggio dentro un impattore che esegue un filtraggio meccanico preliminare sul diametro aerodinamico equivalente delle particelle di polvere. Quando una particella attraversa il fascio, questa diffonde la luce che la investe in tutto lo spazio circostante (laser scattering), con un'intensità e una distribuzione spaziale che dipende dal diametro della particella.

schema LAP
Schema funionamento di SLP

Posizionando alcuni rilevatori di luce che puntano la zona in cui avviene lo scattering di luce, si ricava un segnale elettrico al passaggio di ogni particella, si possono quindi contare le particelle e se ne può stimare la dimensione. Il maggior ostacolo riguarda il fatto che i metodi ottici non consentono di determinare la massa delle particelle che evidentemente è legato alle loro dimensioni ma dipende dalle sostanze che le costituiscono.

SIT attualmente lavora alla individuazione di algoritmi di calcolo delle masse sulla base delle distribuzioni in diametro misurate dai suoi sensori.